it

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Nazione*
* La creazione di un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Login

Un monumento in nove tappe: le fontane rionali di Pietro Lombardi

Ai più il nome di Pietro Lombardi non dice proprio nulla. Eppure, questo architetto e scultore romano, negli anni Venti, ha (parzialmente) realizzato, su diretta commissione del Governatore di Roma, un progetto a modo suo assai originale: la costruzione di nove fontane, destinate ad ornare e celebrare il rione in cui sono collocate, con nomi e simboli che ne richiamano la storia e la tradizione.

Eccole in ordine di costruzione:

  • Fontana delle Anfore – Piazza dell’Emporio (Testaccio). E’ la più grande della serie. Il motivo delle anfore appartiene alle radici storiche di Testaccio, dove, già dal II secolo a.C. si trovavano i magazzini dove erano custodite le anfore di terracotta con le forniture di olio e vino destinate a Roma. E sono proprio i cocci delle anfore a formare il monte Testaccio.
  • Fontana della Pigna – Piazza San Marco (Pigna). Il pignone in bronzo che da il nome al rione si trova oggi al centro dell’omonimo cortile, all’interno dei Musei Vaticani.
  • Fontana della Botte – Via della Cisterna (Trastevere). Rappresenta idealmente il vino che scorreva a fiumi nelle taverne.
  • Fontana del Timone – Porto di Ripa Grande (Ripa). La barra e il timone ricordano le attività portuali del porto fluviale.
  • Fontana delle Tiare – Largo del Colonnato (Borgo). Stretta tra il colonnato berniniano di Piazza San Pietro e il Passetto di Borgo, inalbera tre tiare, copricapo del Pontefice.
  • Fontana delle Palle di Cannone – Via di Porta Castello (Borgo. Non si tratta di un errore, il rione Borgo è celebrato con ben due fontane). La piramide di palle di cannone ricorda le attività belliche della residenza-fortezza di Castel Sant’Angelo.
  • Fontana degli Artisti – Via Margutta (Campo Marzio). Pennelli, tele e cavalletti rappresentano i tanti pittori che presero alloggio in questa appartata via del centro. Il primo fu Orazio gentileschi, padre della ben più famosa Artemisia.
  • Fontana dei Libri – Via degli Staderari (Sant’Eustachio). La testa di cervo è il simbolo di Sant’Eustachio, dal quale il rione prende il nome, mentre i libri alludono all’antica sede dell’università ‘La Sapienza’.
  • Fontana dei Monti – Via di San Vito (Monti). I monti simboleggiano i tre colli sui quali si adagia il rione: Celio, Esquilino e Viminale.

Lascia un commento