enit

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Nazione*
* La creazione di un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Login

Tracce dell’aldilà: il Museo delle Anime del Purgatorio

Sul Lungotevere Prati si affaccia una piccola chiesa con la facciata irta di guglie, l’unica di Roma realizzata in stile neogotico: è la Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio, eretta tra il 1894 ed il 1917 su progetto dell’architetto Giuseppe Gualandi. Il 15 settembre 1897, durante i lavori, scoppiò un incendio in una delle cappelle; non appena le fiamme furono domate, padre Vittorio Jouet, all’epoca curatore del santuario, notò che dietro l’altare il fumo aveva tracciato i contorni di un volto triste e sofferente. Jouet vide nel nell’immagine un tentativo – da parte di un’anima condannata al Purgatorio – di mettersi in contatto con il mondo dei vivi. Per il religioso fu una folgorazione, tanto da dedicare tutto il resto della sua vita a ricercare simili ‘tracce dell’aldilà’, lasciate dalle anime purganti in attesa di raggiungere il Paradiso. Il Museo annesso alla Chiesa raccoglie una decina di queste misteriose (e a volte inquietanti) testimonianze – costituite da impronte lasciate a fuoco su fotografie, libri, tavolette ed altri oggetti di uso quotidiano – corredate dalla storia del defunto e dei suoi familiari. Come quella di una certa signora Leleux, morta in Belgio nel 1789, che lasciò un’impronta infuocata sulla manica del figlio riottoso per convincerlo ad abbandonare la sua vita dissoluta. O come quella di Margherita Demmerlé, perseguitata dalla suocera dall’oltretomba: la donna si affrettò a compiere un pellegrinaggio per recare sollievo all’anima della defunta, che la ringraziò apponendo la sua mano su un libro. Quale che sia l’atteggiamento personale rispetto a questa raccolta di eventi ‘miracolosi’, il museo, unico nel suo genere, merita senz’altro una visita.
Museo delle Anime del Purgatorio
Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio
Lungotevere Prati, 12

Lascia un commento