it

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Nazione*
* La creazione di un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Login

Parla come magni: come fu che i soldati americani ‘inventarono’ la carbonara

Sì, lo sappiamo che siete caduti dalla sedia.

Sì, avete letto bene, i soldati americani hanno inventato (o meglio, hanno contribuito ad inventare) la carbonara.

Sì, è vero che la carbonara è il piatto romano per eccellenza, però resta comunque il fatto che l’hanno inventata i soldati americani di stanza nella Capitale.

Lo hanno fatto in uno dei periodi più bui della nostra storia, verso il finire delle Seconda Guerra Mondiale. Nel settembre del 1944, per la precisione. A raccontarlo (e si tratta di un racconto mai smentito) è Renato Gualandi, un giovane cuoco di origine bolognese ingaggiato dalle Truppe Alleate a Roma dal settembre ’44 all’aprile ’45.

Utilizzando le razioni militari statunitensi e riuscendo a coniugare il gusto della colazione americana a base di uova e pancetta alla pasta abbondantemente condita da formaggio. Ed è romano anche perché racconta, con la sua fortuna, la natura della nostra città:

Roma è una madre accogliente

Lascia un commento