enit

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Nazione*
* La creazione di un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Login

Il mattino ha l’oro in bocca: il Casino dell’Aurora di Palazzo Pallavicini Rospigliosi

Il bellissimo Casino dell’Aurora Pallavicini fa parte del complesso architettonico di Palazzo Pallavicini Rospigliosi, sul colle del Quirinale. Il Casino, che si affaccia direttamente sulla Piazza del Quirinale e sulla Fontana dei Dioscuri, fu eretto tra il 1612 e il 1613 per volontà del Cardinale Scipione Borghese, che ne affidò la costruzione all’architetto fiammingo Giovanni Vasanzio. L’edificio – che si innalza proprio al sopra dei ruderi delle antiche Terme di Costantino, oggi inglobati nello scantinato – deve il suo nome al magnifico affresco raffigurante “Il carro dell’Aurora” che il bolognese Guido Reni dipinse nel 1614 sul soffitto del salone. Si tratta di un cosiddetto ‘quadro riportato’, cioè un affresco incorniciato e dipinto su una parte, proprio come se fosse un quadro appeso. L’opera di Reni, uno dei capolavori del classicismo romano, raffigura il giovane dio Apollo nel carro del Sole, preceduto da Aurora, avvolta in veli leggeri, che porta la luce al mondo. Il dipinto appare curiosamente rovesciato, ma non si tratta di una svista del Reni: non doveva essere contemplato dal basso in alto, come facciamo noi oggi, bensì riflesso nei lucidissimi marmi del pavimento.

Lascia un commento