it

Login

Iscriviti

Dopo aver creato un account, sarai in grado di monitorare lo stato del pagamento, tracciare la conferma e puoi anche valutare il tour dopo aver terminato il tour.
Username*
Password*
Conferma Password*
Nome*
Cognome*
Birth Date*
Email*
Telefono*
Nazione*
* La creazione di un account significa che sei d'accordo con i nostri Termini di servizio e Informativa sulla privacy .
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Già iscritto?

Login

Fiat Lux: il lampadario più grande d’Europa

L’austera e composta eleganza della facciata del Teatro dell’Opera di Roma, progettata e realizzata dall’architetto Marcello Piacentini nel 1926, poco lascia intuire dello splendore degli interni.

Come uno scrigno prezioso, il teatro custodisce gelosamente i suoi tre ordini di palchi rivestiti in broccato e velluto scarlatto, il suo anfiteatro, la sua galleria, la pregevole cupola affrescata dal perugino Annibale Brugnoli.

E proprio come in uno scrigno prezioso, il posto centrale è riservato alla gemma più sfavillante: il gioiello dell’Opera, il magnifico lampadario che dal 27 febbraio 1928 – giorno della sua messa in opera – detiene il primato di più grande d’Europa (anche se qualcuno giura che sia il più grande del mondo).

Su progetto dello stesso Piacentini, 270 lampadine illuminano 27.000 cristalli di Boemia allineati lungo 17 anelli concentrici il più grande dei quali misura 6 metri di diametro.

Ogni cinque anni, questo gioiello del peso complessivo di tre tonnellate, si rifà la toilette: una volta calato con un argano dalla cupola, viene parzialmente smontato e sottoposto a manutenzione e lucidatura.

Lascia un commento